Conosci il team

Conosci il nostro team… Gaia, Community Support per Milano e Torino

Scritto da AmedeoGalano

Nextdoor sta crescendo, e con questo cresce anche il nostro team! Da qualche mese è entrata a far parte del nostro team Gaia, che si occupa della gestione delle communities a Milano e Torino.

Questo perché Nextdoor crede che sia fondamentale avere un dialogo ed ascoltare attivamente le persone nel luogo in cui vivono, per aiutarle a supportare i loro progetti.

Abbiamo fatto qualche domanda a Gaia per conoscerla meglio!

Ciao Gaia! Dicci qualcosa su di te: qual è la tua storia?

Ciao! Mi chiamo Gaia, ho 23 anni e vengo da Monza. Ho passato parte della mia vita sulle colline pavesi e oggi la mia città è Milano (che amo profondamente).

La mia più grande passione è l’arte, mi piace disegnare per me stessa e soprattutto conoscere l’attività degli artisti, andare alle mostre, scoprire progetti nuovi. Milano, fortunatamente, non mi fa mancare una ricchissima proposta culturale!

Un’altra mia grande passione è la musica, spesso mi sento in un video musicale che accompagna la mia vita.

Amo stare in mezzo alle persone e sono un’ascoltatrice, credo di non fermarmi mai alla prima apparenza, mi piace scoprire. Nextdoor mi dà la possibilità anche di fare questo, avere contatto con la community e creare un network di persone volenterose di fare qualcosa.  

Cosa ti piaceva fare da piccola nel tuo quartiere?

Da piccola amavo andare al parchetto a fianco a casa mia dove mi aspettava quella che tutt’ora è ancora la mia migliore amica! Come posso non credere nella potenza dei rapporti tra persone connesse quando sono 20 anni che io e lei ci incontriamo, anche se non più al parchetto?

Cosa ti ha portato ad unirti a Nextdoor?

Ho vissuto per un periodo della mia vita all’estero e viaggiare è la mia più grande passione. Nonostante ciò, ho sempre sentito la mia città, Milano, come il mio porto sicuro a cui ritornare e ho sempre pensato di dovere essere in prima linea per valorizzarla e renderla accessibile. Quando ho sentito parlare di Nextdoor ho pensato che fosse un’idea che poteva permettere a tutti di cooperare per rendere la città un posto migliore. Oggigiorno abbattiamo i confini aprendo le città al mondo, all’internazionalizzazione e allo scambio e penso che Nextdoor sia un modo di fare questo anche all’interno della quotidianità delle persone, un modo per aprirsi a chi ci sta accanto e vive dall’altro lato della strada.

3 Commenti

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This